Hai già catturato carpe Big usando Boiles pop up oppure non hai ancora avuto modo di provare l’efficacia delle esche superficiali per Carpfishing? Dopo averne parlato a lungo l’altra sera con un amico, ho deciso di raccontarti la mia su questo tipo di esca per carpe, che uso molto spesso nelle sessioni estive di pesca al lago (ma anche in quelle invernali, a volte).

Ti consiglio di leggere attentamente questo articolo, perché voglio rivelarti cosa penso davvero delle Boiles galleggianti, per quale motivo non ne puoi fare a meno quando è praticamente inutile pasturare i fondali, quali ingredienti devi assolutamente inserire quando le prepari a casa e in che modo vanno cotte le esche pop up per farle diventare un’attrazione irresistibile per le tue carpe.

Sai, molti carpfisher alle prime armi non si rendono conto di quanto sono importanti le esche galleggianti per alcune sessioni di carpfishing. Ora, se sei un carpista neofita sono certo che questi miei consigli potranno esserti utilissimi per le tue prossime pescate al lago o al fiume. Se invece hai già un bel po’ di esperienza con spot, pasturazione, inneschi leggeri, sarai d’accordo con me sul fatto che non possiamo fare a meno delle pop up in tutte quelle situazioni in cui non dobbiamo sfamare una carpa, ma giocare con sapiente astuzia per incuriosirla e farla avvicinare al nostro amo.

Sei pronto a scoprire qualcosa in più su uno degli aspetti più importanti della pesca alle carpe? Vediamo allora di fare chiarezza sulle esche galleggianti per carpfishing. E se arrivi fino alla fine di questo articolo, troverai anche un consiglio a sorpresa che riservo solo a chi come te e come me è davvero super appassionato del nostro sport.

Ok, basta indugi e cominciamo!

Quando non devi proprio fare a meno delle Boiles pop up

Inutile girarci intorno: non sempre le Boiles affondanti sono efficaci e non sempre la pasturazione è utile. È in questi casi che le esche pop up sono una vera manna dal cielo per noi carpfisher e senza il loro uso davvero le nostre sessioni sarebbero un totale fallimento.

Sto parlando innanzitutto delle sessioni estive, perché durante la bella stagione i nostri spot diventano un durissimo campo di battaglia dove i fondali e le carpe ci sfidano a chi è più furbo.

A me capita sempre di dover fare i conti con specchi d’acqua pieni di lussureggiante vegetazione (sono ironico… a volte la odio quella vegetazione!) e di alghe, dove le carpe amano sguazzare perché sono pieni di gustose chioccioline, molluschi e larve varie che diventano per loro un vero banchetto luculliano.

Capisci che una sessione di carpfishing in spot del genere sarebbe votata al più atroce fallimento se non avessimo le Boiles galleggianti, l’unico tipo di esca che secondo me riesce a incuriosire le carpe, trascinandole via dagli alimenti naturali che popolano i fondali durante l’estate.

Ma non finisce qui, perché non è solo l’abbondanza di cibo acquatico il nostro problema maggiore. Infatti, a me capita spessissimo di dover fare i conti con fondali pieni di foglie o di alghe, oppure con quelli fangosi o peggio ancora pietrosi.

Mi dici a che serve usare pesanti Boiles affondanti, se restano mimetizzate nella vegetazione, se il fango se le inghiotte o se le insenature tra le pietre sul fondo rischiano di far impigliare i nostri ami? Non me lo dire, perché te lo dico io: non serve a nulla!

Attento, non sto dicendo che va eliminata la pasturazione, anzi. In alcuni spot, infatti, io prima pasturo e poi utilizzo anche esche galleggianti, perché se usi una pop up la tua carpa Big la percepirà come una novità e ne sarà subito attratta.

Ricapitoliamo? Ecco i consigli che ti do:

  • usa sempre Boiles pop up quando peschi in spot con fondali pieni di alghe, fangosi o pietrosi, perché il peso delle affondanti le tiene mimetizzate e quindi invisibili alle carpe
  • usa sempre Boiles pop up in estate, perché catturano l’attenzione delle carpe che sono troppo impegnate a mangiare gli alimenti naturali presenti nella vegetazione
  • usa Boiles pop up anche in aggiunta alla pasturazione, così introduci un elemento di novità nelle loro abitudini e le incuriosisci fino a prenderle all’amo.

 

Come preparare in casa le tue Boiles pop up

Se qualcuno ti ha detto che c’è differenza tra Boiles affondanti e Boiles pop up fatte in casa, lasciati dire che ti ha preso gioiosamente per i fondelli. L’unica differenza sta nel giusto mix da usare, che per le pop up deve ovviamente garantire una tale leggerezza dell’esca da farla galleggiare.

Per il procedimento e per la cottura, invece, non cambia nulla, nel senso che puoi tranquillamente seguire le stesse regole che valgono per le affondanti.

Se vuoi divertirti a preparare in casa delle buone pop up allora puoi usare delle farine ad hoc, come quella di gambero e quella di soia micronizzata, perché sono molto fini e questo le rende naturalmente galleggiabili.

Io ricorro spesso anche alla caseina e al latte in polvere, che mi permettono di avere Boiles di superficie abbastanza compatte ma leggere.

Ho anche provato a inserire nel mix di preparazione del sughero grattugiato così finemente da farlo diventare come una specie di farina e in altri casi ho aggiunto all’interno delle Boiles – prima di cuocerle – una pallina di sughero. Il sughero, infatti, è un materiale molto poroso e questo lo rende leggerissimo e galleggiabile.

Poi c’è anche un altro sistema, che ti chiede solo di “manomettere” delle Boiles affondanti. In questo caso il mio consiglio è preparare delle affondanti non proteiche, visto che le pop up sono delle esche d’innesco, quindi non ti serve un grande potere nutritivo.

Per manometterle ti basta solo bucarle facendo un forellino e inserire nel centro un piccolo pezzo di spugna galleggiante, che puoi anche ungere un po’ con dell’olio di salmone per rendere le tue esche pop up aromatiche e super magnetiche.

L’unico modo assolutamente efficace per cuocere delle inimitabili Boiles pop up

Ed eccoci arrivati a quello che ti avevo promesso all’inizio come un mio consiglio a sorpresa. È quasi un segreto e mi fa piacere condividerlo con te perché sono sicuro che ti aiuterà a catturare il 70% di carpe in più del tuo solito, sia che usi esche affondanti, sia che utilizzi le pop up.

Sto parlando della cottura a vapore, che detta così non è una gran novità, ma lo diventa se la cottura a vapore delle tue Boiles la fai usando la prima e unica vaporiera elettrica per carpfisher che nessuno fino a ora ti aveva consigliato di utilizzare.

Sai perché ne sono totalmente entusiasta? Perché puoi usarla sia per preparare Boiles affondanti dall’aroma irresistibile, sia per Boiles galleggianti che ti escono cotte alla perfezione, senza le bruciature causate dalla cottura in forno e senza profumi dispersi nell’acqua, come avviene nella bollitura.

In più è elettrica, quindi totalmente sicura. Di’ la verità: quante volte ti sei scottato preparando le tue Boiles fatte in casa? Una, dieci, cento volte? Da quando la uso ho smesso con cesti e cestelli da estrarre dal vapore dei pentoloni, ho smesso con fiamme e pericolose bombole a gas, ho smesso anche con il caos per tutta casa, visto che la mia vaporiera elettrica per carpfisher è compatta, ordinata e trasportabile grazie alle sue comodissime ruote.

Ma voglio essere totalmente sincero con te: io sono un maniaco delle Boiles hand made, me le preparo da anni e toglimi questo enorme piacere, mi togli il 60% della passione per le carpe. Quindi, non ti dico cosa significa per me prepararmi di tutto punto per una sessione di carpfishing e sapere che le mie esche le ho preparate da solo in casa. E non puoi immaginare la soddisfazione che provo quando le carpe abboccano ai miei ami proprio grazie alle Boiles che ho preparato in casa e cotto con la mia vaporiera elettrica!

A dirla tutta, sono convinto che tu lo possa immaginare, se sei un fanatico del carpfishing come me. Ed è perché sei un fanatico come me che non posso proprio fare a meno di consigliarti la mia vaporiera elettrica per cuocere Boiles fatte in casa.

Ah, non ti ho ancora detto che si chiama DragonBoiles e che è la MIA vaporiera elettrica per carpisti perché l’ho creata io, dalla fase progettuale fino a quella di realizzazione.

Se ti confidassi che è un portento forse penseresti che esagero perché è una mia creazione. Allora posso dirti che quando la espongo durante le fiere per noi carpfisher i nostri colleghi e compagni di sport restano a bocca aperta.

Ora te la mostro, eccola qui!

vaporiera per carpfishing

 

Quello che dalla foto non vedi è che DragonBoiles ti permette di:

  • Aumentare il numero di carpe pescate grazie all’aroma irresistibile delle tue Boiles cotte a vapore.
  • Preparare 1,5 kg di boiles di qualità in un unico cassetto.
  • Asciugare perfettamente le tue Boiles e tenere sempre in ordine i tuoi spazi.
  • Preparare tutti i tipi di esca che ti servono.
  • Azzerare definitivamente i rischi di ustioni e di incendi.

SUBITO PER TE 7 SEMPLICI RICETTE BOILES

Se desideri preparare esche fatte in casa seguendo ricette con cui ottenere boiles catturanti, scarica GRATIS la guida con le 7 semplici Ricette per Boiles self made che soddisfano diverse stagioni, abitudini e luoghi di pesca. In questa GUIDA GRATUITA trovi 7 ricette per boiles self made ideate e sempre più perfezionate nel tempo dall’esperta carpfisher Jessica Zerbini. 

Scarica Gratuitamente la tua guida adesso:

COMPILA IL FORM CHE TROVI QUI SOTTO!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend