Adesso, un argomento leggero: il piombo. Spesso quando si parla di carpfishing non si presta la giusta attenzione a come piombare la nostra canna; invece, anche questa scelta, è il caso di dirlo, ha il suo peso. Un peso importantissimo, da tenere in considerazione come merita, se intendiamo uscire a pesca e tornare con un bottino, perché un’ottima autoferrata è quanto di più necessario per il carpfisher.  Altrimenti si rischia il fallimento.

Ad esempio, può succedere che nel montare il piombo sbagliato poi la carpa non allami a dovere; oppure – e accade spesso, credetemi – può accadere che l’esca, a causa di un peso eccessivo, vada a infilarsi in anfratti e cumuli di fango. E a quel punto, dimentica pure che il pesce abbocchi.

Per cui, chiariamo subito una cosa sul piombo adatto al carpfishing: possiamo suddividerli in piombo swivel e quello in-line. Le differenze? Conosciamole insieme:

Gli swivel hanno un anello di metallo, incastonato in uno dei capi, che può essere connesso a una girella, o montato su una safety clips. Vantaggio? Se la lenza s’impiglia, sganciarli è facile; questa caratteristica li rende ottimi per i fondali più lagunosi.

I piombi in-line, invece, vengono montati direttamente in linea sulla lenza madre. grazie ai nuovi sistemi anche i piombi in-line possono essere montati con un sistema di sgancio safety e risultano sicuri sia in caso di incaglio , sia in caso di rottura del terminale.

la carpa potrà liberarsi del peso del piombo.

I carpfisher preferiscono usare gli inline  per il loro grande potere autoferrante e la loro stabilità in acque mosse

Una cosa fondamentale è scegliere il piombo a seconda della situazione di pesca che andremo ad affrontare. Il carpfishing è equilibrio e conoscenza, nell’allestimento della montatura come nella consapevolezza del luogo. E in questo discorso rientra completamente anche la scelta dei piombi.

Facile intuire perchè se, ad esempio, caliamo dalla barca potremo permetterci piombi meno aerodinamici; mentre per la pesca a lancio useremo qualcosa di non esageratamente pesante. E qui entrano in gioco altri aspetti di primaria importanza: forma e dimensione, che il tuo prossimo piombo sia in-line o swivel.

Scopriamo qualcosa in più:

i piombi a grip, ad esempio, sono quelli indicati per le condizioni più difficili, tipo in fiume dove la corrente e altri fattori più instabili, ci inducono a cercare,  maggiore grip. Nell’ultimo periodo, però, molti iniziano a usare questo tipo di piombo anche in lago dove con fondi più duri le piccole punte di ancoraggio permettono una tenuta maggiore sul fondo.

i famosi piombi a palla, forse un po’ ingombranti ma sempre ottimi alleati, ideali in luoghi ricchi di ostacoli, tendono ad uscire dalle situazioni più difficili;

i piombi a goccia, grazie alla loro forma aerodinamica sono ideali per lunghissimi lanci.;

i piombi a pera schiacciata sono tra quelli precisi, ottimi per lanci mirati nel nostro spot ideale. La loro forma tondeggiante li rende i piombi adatti in corrente, perchè tendono a  non rotolare

Tutto sta nel comprendere bene le condizioni di pesca che andremo ad affrontare, e a queste associare il giusto piombo.Ma non solo. C’è un fattore, forse il più bello ed importante che andrebbe considerato: l’esperienza personale. Già, perché scrivere o seguire consigli è importante, ci arricchisce e ci permette di guardare le cose sotto un punto di vista che magari prima non avevamo considerato, ma tutto, poi, sta nella prova che facciamo al momento dei fatti, tentando con un piombo e poi con un altro. È bello, ogni tanto, non seguire tutti i suggerimenti; fa bene ascoltare e capire, e poi provare a fare di testa propria.

Quando l’ho fatto, nel carpfishing, mi sono inventato qualcosa di nuovo come DragonBoiles. Il sentire comune era quello di comprare le esche già pronte o farle a casa con non buoni risultati? E io ho cercato altro, costruendo un sistema di cottura che mi permettesse di creare le boiles come le preferivo io, come le immaginavo io. E quello che è successo dopo è semplicemente fantastico, perché DragonBoiles si è diffusa, e con essa un nuovo modo di interpretare l’esca nel carpfishing.

Morale della favola? Studia come scegliere il piombo migliore, cerca la forma, il peso e le dimensioni ideali, trova il rivestimento perfetto e poi prova e riprova. Poi cambia e prova di nuovo. Senza perdersi in mille teorie. Dammi retta: non darmi retta del tutto. Potresti, alla fine, divertirti molto ma molto di più. E scoprire l’inesistente, anche nell’ equilibrare al meglio i piombi da carpfishing.

SUBITO PER TE 7 SEMPLICI RICETTE BOILES

Se desideri preparare esche fatte in casa seguendo ricette con cui ottenere boiles catturanti, scarica GRATIS la guida con le 7 semplici Ricette per Boiles self made che soddisfano diverse stagioni, abitudini e luoghi di pesca. In questa GUIDA GRATUITA trovi 7 ricette per boiles self made ideate e sempre più perfezionate nel tempo dall’esperta carpfisher Jessica Zerbini. 

Scarica Gratuitamente la tua guida adesso:

COMPILA IL FORM CHE TROVI QUI SOTTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend